Programma di ottobre 2016

2016-10-ottobre-2

Ci siamo, riparte la programmazione stagionale!
>> OTTOBRE AL CSA BRIGATA 36! <<
________________________________________
Domenica 2/10 ore 20.30
Prima che il tempo finisca (con Daniele Barbieri e Agata Marchi)
Lettura scenica sul tempo!
Un rubinetto gocciola e scandisce un tempo sincopato, perfetto. Partiamo da lì vagabondando fra scienza, fantascienza, lavoro e incontrando musica sempre più veloce, Karl Marx, Margherita Hack, la fantascienza – Philip Dick, Fredric Brown, Isaac Asimov, James Ballard – il fisico Carlo Rovelli, Julio Cortazar…
L’homo quasi sapiens possiede davvero il concetto di tempo? E l’homo forse ultra-sapiens potrà e vorrà viaggiare nel tempo?
________________________________________
Domenica 9/10 ore 21
LUDOBRIGATA36
Giochi da tavolo, retrogaming, freccette, calcino, scacchi, carte, oppure porta il gioco che vuoi te!
________________________________________
Venerdì 14/10 ore 21
NO TAV TOUR: “IO STO CON CHI RESISTE”
Un incontro con attivisti/e No Tav dalla Valsusa, con l’intervento di Nicoletta Dosio e la proiezione del documentario “Archiviato – L’obbligatorietà dell’azione penale in Valsusa”.
La lotta del movimento No Tav contro la devastazione ambientale e lo spreco di risorse prosegue da oltre ventanni. Questo tour nasce per promuovere una nuova forma di resistenza: la violazione delle misure cautelari preventive emesse dal Tribunale di Torino, strumento di repressione e di vendetta verso l’opposizione sociale.
Molte persone coraggiose hanno deciso di opporsi a questa pratica repressiva di chiara matrice fascista: tra loro Nicoletta Dosio, che ha intrapreso questo tour per far conoscere le storie di tutti/e coloro che sono colpiti/e dalla repressione in Valle di Susa e non solo.
La Resistenza continua! No Tav libere/i!
________________________________________
Sabato 29/10 ore 21
Concerto live “IN DUE È MEGLIO”
Con:
CANI DEI PORTICI (duo dog-core da Bologna)
SHE’S MAD ON DANCING (duo noise rock, Imola)
KOLOM (duo experimental noise, Imola)
________________________________________
Le domeniche 16, 23 e 30 ottobre dalle 21
APERTURE DOMENICALI

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

“Prima che il tempo finisca” (di Daniele Barbieri e con Agata Marchi) (domenica 2/10/2016)

2016-10-02-prima-che-il-tempo-finiscaDomenica 2/10 ore 20.30

“PRIMA CHE IL TEMPO FINISCA”
Lettura scenica di Daniele Barbieri con Agata Marchi, dedicata alla memoria di Riccardo Mancini.

«Prima che il tempo finisca» capiremo se aveva ragione Albert Einstein a scrivere «le persone che credono nella fisica sanno che la distinzione fra passato, presente e futuro non è che una cocciuta illusione».

Un rubinetto gocciola e scandisce un tempo sincopato, perfetto. Partiamo da lì vagabondando fra scienza, fantascienza, lavoro e incontrando musica sempre più veloce, Karl Marx, Margherita Hack, la fantascienza – Philip Dick, Fredric Brown, Isaac Asimov, James Ballard – il fisico Carlo Rovelli, Julio Cortazar… L’homo quasi sapiens possiede davvero il concetto di tempo? E l’homo forse ultra-sapiens potrà e vorrà viaggiare nel tempo?

__________________________________________
via Riccione 4, Imola (BO)
il csa brigata 36 è uno spazio sociale autogestito e antifascista
FB: Brigata 36 / info@brigata36.it

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Abortiamo il Fertility Day! (giovedì 22/9/2016)

2016-09-22-abort2

ABORTIAMO IL FERTILITY DAY !

Giovedì 22/9 – ore 19
IMOLA, sotto l’orologio
Piazza Caduti per la Libertà

Dopo la vergognosa propaganda del Ministero della Salute per un “Fertility Day” a sostegno dell’indecente “Piano Nazionale della Fertilità”, abbiamo deciso di essere in piazza lo stesso giorno per dire alla ministra Lorenzin e al Governo cosa ne pensiamo delle loro campagne pubblicitarie al limite del ridicolo e cosa invece rivendichiamo a gran voce:
– PER LA LIBERTÀ DI SCELTA
– PER UN WELFARE MIGLIORE
– CONTRO OGNI DISCRIMINAZIONE

Invitiamo tutti/e a passare e a partecipare dalle 19 in poi!

_________________________________________________
FERTILITY DAY? NO GRAZIE!
Il Fertility Day (campagna pubblicitaria per lanciare il Piano Nazionale della Fertilità promosso dalla ministra Lorenzin) è in totale sintonia con il clima di omofobia, razzismo e sessismo che caratterizza oggi l’Italia e non solo.
Basta pensare alle Sentinelle in piedi che credono di poter giudicare l’orientamento sessuale e le identità di genere delle persone, alle associazioni antiabortiste o al DDL Cirinnà che ancora non riconosce il diritto alla genitorialità per le coppie omosessuali. Ce ne sarebbero tante di cose da dire ma il punto è sempre lo stesso, ed è molto semplice: “sul mio corpo, decido io”.
“Riproducetevi, donne bianche eterosessuali e monogame! La Patria ha bisogno di voi perchè non sappiamo più come pagare le pensioni!” Questo è il messaggio della campagna della Lorenzin.
Secondo quest’ultima il welfare non dipende da scelte politiche intelligenti e volte a garantire equità e giustizia sociale, ma dagli uteri delle donne (rigorosamente italiane) che devono tenersi fertili e pronti a riprodurre!
Insomma una vera schifezza!
Forse sarebbe meglio parlare di una politica di accoglienza degna per i rifugiati e le rifugiate e per i migranti e le migranti con il riconoscimento della cittadinanza italiana per i figli nati in Italia (sembra quasi stupido dirlo!). Uno Stato che distrugge il welfare a partire dalla scuola pubblica si erge a paladino di ovociti e spermatozoi, investendo denaro in campagne rieducative su come utilizzare il corpo al servizio della società.
La scuola avrebbe invece bisogno di soldi, chi insegna e/o si prende cura dei/delle minori avrebbe bisogno di contratti stabili e stipendi dignitosi.
Riteniamo necessaria piuttosto un’educazione sessuale che porti a una maggiore consapevolezza di sè, dei propri desideri e del proprio corpo, che parli di affettività e piacere, non di corpi-macchine da riproduzione.

La genitorialità è una libera scelta!
Fuori lo Stato dai nostri corpi!
Meno orologi biologici e più vibratori!

csa Brigata 36

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Solidarietà ai lavoratori della GLS

Esprimiamo massima solidarietà ai familiari, ai colleghi e ai compagni di Abd Elsalam, ucciso durante un picchetto sindacale per rivendicare diritti sul lavoro.
Non è un omicidio stradale, è un UN ASSASSINIO PADRONALE PER DIFENDERE IL PROFITTO DELL’AZIENDA GLS!
La causa di questo omicidio va ricercata nello sfruttamento, nei ricatti, nell’arroganza dei padroni delle aziende della logistica!

Sabato 17/9 ore 14 corteo a Piacenza dalla stazione dei treni!

_______________________________________________

Riportiamo il comunicato del sindacato USB

Roma,

Abd Elsalam Ahmed Eldanf, 53 anni 5 figli, operaio presso il magazzino GLS di Piacenza è stato ucciso da un camion lanciato contro il picchetto che accompagnava una difficile trattativa in corso nella notte. Assieme a lui è rimasto ferito, per fortuna in maniera lieve un altro facchino.

Abd Elsalam, pur non essendo un precario, lottava contro la precarietà e per il rispetto degli accordi sottoscritti, a prezzo di dure lotte, tra l’USB e la GLS costantemente messi in discussione dall’azienda come stava avvenendo anche ieri sera.

Le responsabilità dell’azienda sono incontrovertibili, sia per il clima di ricatto e di schiavitù che vige nei suoi depositi attuato grazie alla totale complicità di tutte le altre sigle sindacali, sia per aver incitato i camionisti dell’azienda a sfondare il picchetto. Altrettanto incontrovertibili le responsabilità del Governo nella destrutturazione dei diritti dei lavoratori e l’introduzione del jobs act che sono la vera causa dell’assassinio di Abd elsalam ahmed eldanf.

Il settore della Logistica è diventato da tempo strategico per il capitale, sempre più in cerca di profitti che ora, dopo la delocalizzazione della produzione fuori dall’Italia, si realizzano attraverso una sfrenata competizione sulla velocità con cui le merci stesse si muovono per arrivare in tempi più rapidi possibile ai clienti finali. Di fronte al profitto per qualcuno è lecito anche uccidere chi lotta contro la nuova schiavitù.

– La USB ha dichiarato lo SCIOPERO IMMEDIATO di tutto il settore della logistica a livello nazionale dalle 05 di oggi 15 settembre alle 05 del 16 settembre con blocco dei magazzini e delle merci ed ha invitato le proprie strutture di fabbrica ad organizzare scioperi e fermate di protesta

– l’Unione Sindacale di Base Lavoro Privato proclama 2 ore di sciopero nazionale a fine di ogni turno per tutti i settori, le aziende e le società di lavoro privato per la giornata di oggi, 16 settembre.

L’USB conferma per tutto il settore della logistica lo sciopero nazionale di 24 ore, indetto dalle ore 05.00 del 15/09/16 alle 05,00 del 16 settembre 2016.

– In tutte le principali città italiane si svolgeranno presidi di protesta presso gli Uffici del Governo.

– Alle ore 13,30 Conferenza Stampa sul piazzale antistante la GLS a Piacenza

– A Roma alle ore 15 Mobilitazione sotto gli uffici del Ministro del Lavoro in Via Veneto dove USB chiede di incontrare il Ministro Poletti.

– A Firenze alle ore 18.00 presidio presso Direzione Territoriale Del Lavoro – via Spartaco Lavagnini 9 Firenze

– A Pisa alle ore 19.00 presidio Piazza XX Settembre

– SABATO 17 ORE 14 MANIFESTAZIONE A PIACENZA.

 

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

PROVINCIAL BASS – Special Edition ! – (sabato 24/9/2016)

2016-09-24-provincial-bass-special-edition

Al termine del concerto di sabato 24/9 del RestART – Urban Festival – IV Edizione sarà possibile spostarsi per continuare a ballare fino a tarda notte al centro sociale Brigata 36 con:

PROVINCIAL BASS – Special Edition ! –
unofficial afterparty

Rigorosamente a
INGRESSO GRATUITO!!
(ingresso con tessera obbligatoria a offerta libera)

a partire dalle 00:00 in apertura showcase Live a cura di:

> Italian Beatbox Family

a seguire dj set con:

> D-OPERATION DROP [ Bass ]

> ANIMAL DEFECTION [ Drum & Bass ]

> OFF 23 [ Drum & Bass ]

> BackStaBB [ Drum & Bass ]
https://soundcloud.com/backstabb
__________________________________________
via Riccione 4, Imola (BO)
ingresso con tessera annuale
il csa brigata 36 è uno spazio sociale autogestito e antifascista
rispetta il tuo cane, lascialo a casa
FB: Brigata 36 / info@brigata36.it

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

QUANTI SFRATTI ANCORA SENZA SOLUZIONI DIGNITOSE? QUANTE PERSONE PER STRADA?

Riceviamo e pubblichiamo il comunicato dello Sportello Antisfratto Imola

_____________________________________________________________________

QUANTI SFRATTI ANCORA SENZA SOLUZIONI DIGNITOSE? QUANTE PERSONE PER STRADA?

Sono sempre di più nell’imolese le persone e le famiglie che si ritrovano sfrattate, e che rivolgendosi ai servizi sociali nel migliore dei casi trovano soluzioni provvisorie altamente precarie, mentre non di rado si ritrovano in breve tempo per strada.

Ormai non è più solo la nostra parola contro quella dell’assessore di turno, è la realtà delle cose confermata anche da altre associazioni che operano quotidianamente nel sociale.

Il problema, affrontato alla radice, è molto semplice: non ci sono soluzioni dignitose perché l’amministrazione comunale non ha la volontà politica di intervenire per aumentare il numero degli alloggi disponibili (case popolari, case di emergenza) in maniera proporzionale all’emergenza abitativa in atto.

Questo non solo porta ad un aggravarsi della situazione delle sempre più numerose famiglie sfrattate, ma comporta anche un costo esorbitante per la gestione delle emergenze tramite affittacamere e strutture per madri e figli con conseguente divisione del nucleo, entrambe soluzioni molto più costose dell’affitto di un alloggio: uno spreco di risorse che riguarda tutti i contribuenti.

Quanti sfratti sono già stati eseguiti quest’anno nel Comune di Imola? Quante persone dovranno finire per strada ancora prima che l’amministrazione comunale del PD si accorga che con il suo immobilismo, la sua indifferenza e la sua incompentenza sta esasperando la situazione?

Sportello Antisfratto Imola

logo sportello antisfratto imola + slogan

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

NO ALLA RIFORMA COSTITUZIONALE, NO AL FURTO DEI NOSTRI DIRITTI!

Tra le misure della riforma costituzionale c’è la modifica del Titolo V che regola le competenze tra Stato e regioni. In particolare è previsto l’accentramento dei poteri legislativi riguardanti energia, trasporti, grandi opere e ambiente alla competenza esclusiva dello Stato.

Si tratta cioè di un ulteriore accentramento dei processi decisionali, allontanando ancora di più dai territori e da chi ci vive la possibilità di far valere le proprie motivazioni!

Già adesso la situazione locale è pessima, come si può vedere dalla mancanza di attenzione delle istituzioni locali alle questioni poste dalle realtà che si battono contro l’ampliamento della discarica. La tendenza, se passasse la riforma, sarebbe quella di un ulteriore aggravamento della situazione, limitando ancora di più il diritto di decidere su scelte che riguardano ambiente e salute.

Evidentemente per qualcuno è un fastidio che le persone si battano per i propri diritti, tanto meglio allontanare ogni velleità di protesta spostando le responsabilità decisionali il più lontano possibile…

Come in Valsusa, dove risorse pubbliche vengono deliberatamente sprecate per l’interesse di pochi contro quelli di un’intera valle No Tav che rifiuta la devastazione ambientale e di tante realtà che si battono per la difesa dei beni comuni e per una gestione delle risorse economiche più vicine ai bisogni della popolazione!

VOGLIAMO PIÙ DIRITTI PER LA PARTECIPAZIONE DI CHI VIVE NEL TERRITORIO,

NON LASCIARE TUTTO NELLE MANI DI UN GOVERNO SEMPRE PIÙ AUTORITARIO

La nuova legge elettorale infatti, abbinata alla riforma costituzionale, consegna la maggioranza assoluta della Camera ad un solo partito, anche nel caso che il più votato ottenga solo il 20-25% dei voti.

L’intenzione di Renzi e del PD è chiara: accentrare ulteriormente i poteri nelle mani di pochi, senza nessun interesse per l’ascolto delle voci che vengono dai territori, calando scelte e imposizioni dall’alto!

NO ALLA RIFORMA COSTITUZIONALE!

csa Brigata 36

rif co

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Brigata Garden 4 (lunedì 8/8/2016)

2016-08-08 brigata garden 4

Contro la calura estiva!

BRIGATA GARDEN 4
* nel cortile
* relax
* drink
* aperitivo

Lunedì 8 agosto 2016
Dalle 18 alle 23
csa Brigata 36 – via Riccione 4, Imola

HAVE SEX,
HATE SEXISM

_____________________________________________
Rispetta il tuo cane, lascialo a casa
Ingresso con tessera annuale
Il csa Brigata 36 è uno spazio sociale autogestito e antifascista
FB: Brigata 36

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Raccolta cibo per chi lotta a Ventimiglia

Riceviamo e inoltriamo da Imola Antifascista

campeggio ventimiglia

A Ventimiglia la repressione della polizia e le pressioni della connivente Croce Rossa (CRI) stanno creando un clima di abusi, fame e condizioni di vita poco dignitose. Ai/alle migranti in transito non è permesso nè attraversare il confine nè scegliere di autogestirsi in un campo informale senza dipendere da nessuna associazione o istituzione.

O il campo governativo o sgomberi e deportazioni coatte.

Ormai però è noto a tutti come la CRI sia strettamente connessa col sistema di deportazioni, che non fa altro che rimbalzare in sud Italia le persone che arrivano a Ventimiglia, in un inutile e ingiusto ping pong.

Vogliamo portare il nostro supporto a chi sta lottando al confine e lo facciamo lanciando una RACCOLTA CIBO (diventato strumento di ricatto primario da parte della CRI) e un invito a partecipare numerosi/e al CAMPEGGIO SENZA FRONTIERE che si terrà a Ventimiglia dal 5 al 10 agosto.

Potete portare CIBO NON DETERIORABILE al csa Brigata 36 a Imola in via Riccione 4 a partire dalle ore 19 e fino alle 22 di giovedì 4 agosto.

Inoltre, se volete fare una DONAZIONE (bastano anche solo pochi euro per sostenere i/le migranti), vi lasciamo il seguente codice IBAN: IT49E0359901899050188530555 intestato a Associazione Freespot, Banca Etica.

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Brigata Garden 3 (venerdì 22/7/2016)

2016-07-22 brigata garden 3

Contro la calura estiva!
Contro spaccio e proibizionismo!

BRIGATA GARDEN 3
* nel cortile
* relax
* drink
* aperitivo

Venerdì 22 luglio 2016
Dalle 18 alle 22
csa Brigata 36 – via Riccione 4, Imola

La legislazione italiana sulla cannabis finora ha aumentato il fatturato di una sola azienda italiana: LA MAFIA.
La cultura del proibizionismo negli anni ha prodotto soltanto repressione poliziesca, mancanza di informazione corretta sull’argomento e arricchimento delle mafie che da decenni lucrano sullo spaccio.

L’evento è benefit per lo Sportello Antisfratto Imola!!
_____________________________________________
Rispetta il tuo cane, lascialo a casa
Ingresso con tessera annuale
Il csa Brigata 36 è uno spazio sociale autogestito e antifascista
FB: Brigata 36

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •