Vendesi case popolari!

Pubblichiamo dallo Sportello Antisfratto Imola

_____________________________________________________

CASE POPOLARI (per internet)

VENDESI CASE POPOLARI

L’amministrazione comunale di Imola (attraverso il piano delle alienazioni) dal 2012 ad oggi ha venduto 22 case popolari, e ne vuole vendere altre 172.

Mobilitiamoci contro la svendita del patrimonio pubblico.

LA CASA POPOLARE È UN DIRITTO!

Sportello Antisfratto Imola (tel. 3774442572)

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Difendiamo insieme le case popolari!

Pubblichiamo dallo Sportello Antisfratto Imola

_______________________________________________________

riforma erp febbraio 2017 (per internet)

DIFENDIAMO INSIEME LE CASE POPOLARI!
La nuova riforma Erp approvata dalla Regione Emilia-Romagna modificherà AFFITTI e CRITERI DI PERMANENZA nelle case popolari.
Riteniamo questo un chiaro attacco al diritto all’abitare!
Lo Sportello Antisfratto di Imola continuerà a diffondere l’informazione e dare voce a chi volesse esprimere la propria rabbia verso questa ingiustizia e verso chi la permette.
Noi ribadiamo che le case popolari ci sono! Almeno cento case popolari sono sfitte e vuote da anni. È quindi inutile e ingiusto sfrattare chi ci vive!
Facciamo sentire tutte e tutti la nostra voce contro questa riforma, organizziamoci per esigere la sua immediata abrogazione!

La casa popolare è un diritto!
Stop sfratti, basta svendita del patrimonio erp!

Per ulteriori informazioni: 3774442572
Sportello Antisfratto di Imola

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Proiezione del documentario “La Guera – il mio paese che scompare” e buffet benefit (domenica 12/3/2017)

2017-03-12 doc saharawi

Domenica 12/3/2017
csa Brigata 36 (via Riccione 4, Imola)

Ore 18.30: Buffet
benefit per l’associazione di solidarietà con il popolo saharawi “Ban Slout Larbi

Ore 20.00: Proiezione del documentario “La Guera – il mio paese che scompare”
e chiaccherata con i registi Fiorella Bendoni e Gilberto Mastromatteo

A circa un mese di distanza dalla prima iniziativa sul popolo saharawi, un secondo incontro per approfondire la storia quasi dimenticata di un popolo schiacciato dalle divisioni territoriali del colonialismo. Per ascoltare le voci di un popolo che lotta per potersi muovere liberamente su un territorio dove prima delle spartizioni territoriali si viveva di nomadismo e pastorizia e in seguito è stato contenuto e represso tra guerre, muri e campi profughi.
Il cortometraggio di 20 minuti narra le vicende degli abitanti della città di La Guera, al confine meridionale tra la Mauritania e il Sahara Occidentale, quella che dovrebbe essere la Repubblica Araba Saharaui Democratica (Rasd). Una città ormai disabitata e nascosta sotto la sabbia, di fatto una no man’s land. Per estensione il documentario narra la vicenda dell’intero popolo saharawi, che a sua volta corre il rischio di restare insabbiata.

Durante la serata ci sarà un buffet benefit per l’Associazione di solidarietà con il popolo saharawi “Ban Slout Larbi” di Sesto Fiorentino, che ha prodotto il documentario.

La pagina fb dell’associazione:
https://www.facebook.com/banslout.larbi?ref=ts&fref=ts

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Incontro con il CICAP (domenica 5/3/2017)

2017-03-05 incontro con il cicap

DOMENICA  5  MARZO  2017  –  ORE  20.30
CSA  BRIGATA  36  /  VIA  RICCIONE  4,  IMOLA

INCONTRO CON IL CICAP
L’ho letto su Internet, l’ho visto in tv, me l’ha detto un amico: l’approccio scientifico nel rutilante mondo del sentito dire

Come aprocciarsi a una notizia eclatante letta su internet o su un giornale, che sottintende il verificarsi di fenomeni  in qualche modo legati alla scienza?
In questi ultimi tempi è aumentata la diffusione di convinzioni pseudoscientifiche e di notizie false su argomenti quali la salute pubblica, la tecnologia e la società. L’approccio scientifico ai fatti e la conoscenza del linguaggio, del modo di procedere e anche dei limiti della scienza, rappresentano una guida efficace per districarsi nel mare di informazioni che ci arrivano dai social network, dai media, e più in generale dal “sentito dire”. Esempi tratti dalla cronaca recente saranno utilizzati per questo scopo.

Con il Dott. Stefano Marcellini , divulgatore scientifico e membro del CICAP (Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze) autore del blog Helter Skelter http://smarcell1961.blogspot.it/

___________________________________________

STEFANO MARCELLINI

Stefano Marcellini è un ricercatore nel campo della fisica delle particelle elementari. Oltre all’interesse per la scienza, coltiva anche un’insana passione per il cazzeggio. Il fatto che tenga un blog è da annoverarsi fra gli effetti nefasti di internet, che dà spazio e a volte risonanza a gente la cui opinione una volta restava confinata alle pareti del bar. Si diletta di fotografia, e si ostina a suonare la chitarra e cantare in una cover band di rock americano. D’altra parte finchè continuano a farlo i Rolling Stones è pienamente giustificato.

IL CICAP

Il Comitato Italiano per il Controllo delle Affermazioni sulle Pseudoscienze (CICAP) è un’organizzazione di volontari, scientifica ed educativa, che promuove un’indagine scientifica e critica nei confronti delle pseudoscienze, del paranormale, dei misteri e dell’insolito. Il CICAP nasce nel 1989 per iniziativa di Piero Angela e di un gruppo di scienziati, intellettuali e appassionati che sottoscrive la seguente dichiarazione comune:

«Giornali, settimanali, radio e televisioni dedicano ampio spazio a presunti fenomeni paranormali, a guaritori, ad astrologi, trattando tutto ciò in modo acritico, senza alcun criterio di controllo; anzi cercando, il più delle volte, l’avvenimento sensazionale, che permetta di alzare l’indice di vendita o di ascolto. Per questo portiamo avanti un’opera di informazione e di educazione rispetto a questi temi, per favorire la diffusione di una cultura e di una mentalità aperta e critica, e del metodo scientifico basato sull’evidenza nell’analisi e nella soluzione dei problemi».

Oggi, inoltre, sono sempre più diffuse e seducenti idee e affermazioni pseudoscientifiche a sostegno di terapie di non provata efficacia, teorie del complotto, leggende urbane e falsificazioni storiche. Anche rispetto a questi temi il CICAP continua a lavorare per sostenere l’applicazione del metodo scientifico, cioè la necessità di verificare i fatti, e per promuovere un’informazione corretta e documentata.

Link:
CICAP
CICAP Emilia Romagna

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Due serate al c.s.a. Brigata 36 per conoscere il popolo saharaui

DUE SERATE AL C.S.A. BRIGATA 36 PER CONOSCERE IL POPOLO SAHARAUI
Il popolo saharaui è un popolo nomade, tradizionalmente residente nelle zone del Sahara Occidentale, costretto dal colonialismo a vivere forzatamente entro dei confini nazionali. Un popolo che però ha rifiutato questa imposizione, lottando per la propria indipendenza e che ancora oggi resiste contro l’occupazione militare marocchina fatta di repressione, violenza, muri e campi profughi.
Già nel corso della dominazione della Spagna, i saharaui avevano cominciato negli anni trenta a reclamare la loro indipendenza.
Sull’area, ricca di fosfati, avanzava però pretese anche il Marocco ed è per questo che le popolazioni della regione hanno conosciuto grandi difficoltà per realizzare le loro ambizioni e vedersi riconosciuti su un piano internazionale e persino inter-arabo, oltre ad essere oggetto nel corso degli anni di una durissima repressione con morti e centinaia di arresti.
Per decenni è calato sulla vicenda del popolo saharaui un blackout mediatico sul diritto di questo popolo alla salvaguardia del luogo in cui si vive e della sua memoria, il diritto alla cittadinanza, che trova fondamento negli articoli 12, 13, 15 e 17 della Dichiarazione universale dei diritti dell’uomo.
Il c.s.a. Brigata 36 propone due eventi presso il suo spazio in via Riccione 4 a Imola per approfondire il tema e conoscere da vicino la storia e la cultura del popolo saharaui.

***

Sabato 18 febbraio 2017 alle ore 20,30
Al c.s.a. Brigata 36
Presentazione del fumetto “Io sono Saharaui”
con l’autore Gianluca Diana e l’introduzione di Giulia Maltese (Università di Bologna).

“IO SONO SAHARAUI” è una storia di musica e resistenza di un popolo in lotta per la libertà.
Gianluca Diana, con le illustrazioni di Andromalis, ripercorre nel suo libro la storia del popolo Saharaui attraverso la biografia della cantante Mariem Hassan. Diviso in sei capitoli, ognuno con un titolo delle sue canzoni, la vita dell’artista scorre parallela alla storia del popolo del deserto. Dalla spensieratezza di un’infanzia nomade alla durezza di una giovinezza vissuta durante l’occupazione marocchina, poi l’esilio, gli esordi in musica e la famiglia, la fama internazionale e la costante della lotta per l’indipendenza.
Attraverso questa storia di musica e resistenza cercheremo di dare voce a un popolo in lotta per la propria libertà.

Link di approfondimento:
Sito: http://barta.it/gianluca-diana-andromalis-mariem-hassan-io-sono-saharaui/

Link all’evento facebook:
https://www.facebook.com/events/113916159127060/

mariem_cope_leggera

***

Domenica 12 marzo 2017
Al c.s.a. Brigata 36
ore 18,30 buffet
ore 20 proiezione di “Sahara occidentale – La Guera – Il mio paese che scompare”
e chiacchierata con i registi Fiorella Bendoni e Gilberto Mastromatteo

A circa un mese di distanza dalla prima iniziativa sul popolo saharawi, un secondo incontro per approfondire la storia quasi dimenticata di un popolo schiacciato dalle divisioni territoriali del colonialismo. Per ascoltare le voci di un popolo che lotta per potersi muovere liberamente su un territorio dove prima delle spartizioni territoriali si viveva di nomadismo e pastorizia e in seguito è stato contenuto e represso tra guerre, muri e campi profughi.
Il cortometraggio di 20 minuti narra le vicende degli abitanti della città La Guera, al confine meridionale tra la Mauritania e il Sahara Occidentale, quella che dovrebbe essere la Repubblica Araba Saharaui Democratica (Rasd). Una città ormai disabitata e nascosta sotto la sabbia, di fatto una no man’s land. Per estensione il documentario narra la vicenda dell’intero popolo saharawi, che a sua volta corre il rischio di restare insabbiata.

Durante la serata ci sarà un buffet benefit per l’Associazione di solidarietà con il popolo saharawi “Ban Slout Larbi” di Sesto Fiorentino, che ha prodotto il documentario.
 La Guera locandina

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

ROMPIAMO IL SILENZIO, DIFENDIAMO LE CASE POPOLARI!

Dalla pagina dello Sportello Antisfratto Imola

testoROMPIAMO IL SILENZIO, DIFENDIAMO LE CASE POPOLARI!

La nuova riforma Erp approvata dalla Regione Emilia-Romagna rientra perfettamente nelle politiche di disintegrazione del welfare che il Partito Democratico da anni sta portando avanti. La riforma viene consapevolmente fatta passare sotto silenzio e questo evidenzia una scarsa volontà politica nell’affrontare i problemi sociali in maniera trasparente, in modo che nessuno possa protestare.
Tutto questo è ribadito da un’inquilina imolese delle case popolari, che ha inviato una lettera ai giornali proprio in questi giorni: non c’è stato alcun tipo di informazione riguardo ai nuovi criteri di permanenza e al ricalcolo degli affitti.

Come Sportello Antisfratto Imola continueremo a diffondere l’informazione, raccontando cosa comporterà realmente questa riforma; continueremo inoltre a dare voce a chi volesse esprimere la propria rabbia verso questa ingiustizia e verso chi la permette, come l’assessore alla casa del Comune di Imola Roberto Visani (che non solo non ritiene necessario informare direttamente gli inquilini delle case popolari, ma sui giornali si permette di utilizzare nei loro confronti parole colpevolizzanti).

Noi ribadiamo che le case popolari ci sono! Almeno cento case popolari sono sfitte e vuote da anni; solo quest’anno 13 case sono state messe all’asta a dicembre e 5 sono state vendute. Infatti, negli ultimi dieci anni, il 10% del patrimonio pubblico gestito da ACER nell’imolese è stato (s)venduto. In via Giovanni X l’ultimo bando delle case a canone calmierato è andato quasi deserto, perché gli affitti richiesti per gli alloggi sono comunque troppo alti (poco più bassi di quelli di affitti normali di mercato).

Se c’è precarietà abitativa la colpa non è dei migranti come sostenuto dalla Lega Nord e da altri movimenti xenofobi, ma di chi, attraverso riforme che fanno solo gli interessi di pochi, precarizza il lavoro e ci toglie sempre più diritti!

Facciamo sentire tutte e tutti la nostra voce contro questa riforma,
organizziamoci per esigere la sua immediata abrogazione!
La casa popolare è un diritto!
Stop sfratti, basta svendita del patrimonio erp!

Sportello Antisfratto Imola

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Presentazione del fumetto “Io sono saharaui” (sabato 18/2/2017)

2017-02-18 io sono saharaui

“IO SONO SAHARAUI”
Una storia di musica e resistenza di un popolo in lotta per la libertà.

Sabato 18 febbraio alle ore 20,30 presso il c.s.a. Brigata 36 presentazione del libro “Io sono Saharaui” con l’autore Gianluca Diana; introduce Giulia Maltese, Università di Bologna.

Il popolo saharaui è un popolo nomade costretto dal colonialismo a vivere forzatamente entro dei confini nazionali. Un popolo che però ha rifiutato questa imposizione, lottando per la propria indipendenza e che ancora oggi resiste contro l’occupazione militare marocchina fatta di repressione, violenza, muri e campi profughi.
Gianluca Diana ripercorre con il suo libro “Io sono saharaui” (illustrazioni di Andromalis) la storia del popolo Saharaui attraverso la biografia della cantante Mariem Hassan. Diviso in sei capitoli, ognuno con un titolo delle sue canzoni, la vita dell’artista scorre parallela alla storia del popolo del deserto. Dalla spensieratezza di un’infanzia nomade alla durezza di una giovinezza vissuta durante l’occupazione marocchina, poi l’esilio, gli esordi in musica e la famiglia, la fama internazionale e la costante della lotta per l’indipendenza.
Attraverso questa storia di musica e resistenza cercheremo di dare voce a un popolo in lotta per la propria libertà.

Link di approfondimento:
Sito: http://barta.it/gianluca-diana-andromalis-mariem-hassan-io-sono-saharaui/
Pagina FB: Mariem Hassan – Soy Saharaui

__________________________________
VIA RICCIONE 4, IMOLA (BO)
Il csa Brigata 36 è spazio sociale autogestito e antifascista
FB: Brigata 36 – info@brigata36.it

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Raccolta ordini di agrumi solidali della rete SOS ROSARNO (entro il 10 febbraio!)

sos rosarno febbraio 2017

NON SPREMERE I LAVORATORI !!
AGRUMI CONTRO LO SFRUTTAMENTO

Il centro sociale autogestito Brigata 36 raccoglie adesioni per organizzare l’ordinazione di agrumi solidali attraverso la rete “SOS ROSARNO”.
Gli agrumi dei produttori di riferimento di “SOS Rosarno” provengono rigorosamente da agricoltura biologica certificata. Tutti i produttori sono piccoli proprietari, singoli o associati in cooperative, che assumono regolarmente la manodopera impiegata nella raccolta, per oltre il 50% immigrata, e sono interni al circuito della solidarietà con gli africani di Rosarno, che nell’assoluta insufficienza delle politiche istituzionali d’accoglienza possono sopperire ai bisogni più elementari solo grazie al sostegno delle realtà associative della società civile.
Essendo necessario richiedere un ordine minimo di 50 cassette intendiamo organizzare una raccolta di adesioni entro il 10 febbraio 2017, con consegna degli agrumi il 25 febbraio dalle ore 18 alle ore 21 presso il c.s.a. Brigata 36 (via Riccione 4, Imola), o in altra data previo accordo (pagamento il giorno stesso del ritiro).

Questo il prezzo dei prodotti proposto:
CLEMENTINE ………. 1,70 €/kg; 11,90 € cassa da 7 kg
MANDARINI ………… 1,70 €/kg; 11,90 € cassa da 7 kg
ARANCE DA TAVOLA (Navel, Tarocco o Moro) …………….. 1,30 €/kg; 13 € cassa da 10 kg
ARANCE DA SUCCO (Navel, Tarocco o Moro – piccolo calibro)…… 1,00 €/kg; 10 € cassa da 10 kg
LIMONI ………. 1,50 €/kg; 15,00 € cassa da 10 kg o 7,50 € cassa da 5 kg
BERGAMOTTO…..1,80 €/kg; 12,60 € cassa da 7kg

I prezzi sono quelli dei produttori senza alcun rincaro, se volete sono gradite offerte libere per la logistica!

Per gli ordini: info@brigata36.it, FB: Brigata 36 o al numero 3397068630 indicandoci nome, telefono e l’ordinazione richiesta.
Per maggiori informazioni sulla campagna “SOS ROSARNO” vi invitiamo a consultare il sito della campagna http://sosrosarno.org/

__________________________________________________________
PREZZO TRASPARENTE AGRUMI PER PRODOTTO

CLEMENTINE   € 1,70/kg:
Raccolta 0.13 €
Lavorazione 0.30 €
Trasporto 0.16 €
Promozione 0.26 €
Quota di solidarietà migranti 0.05 €
Produttore 0.80€

ARANCE DA SUCCO   € 1,00/kg:
Raccolta 0.09 €
Lavorazione 0.30 €
Trasporto 0.16 €
Promozione 0,18 €
Quota di solidarietà migranti 0.05 €
Produttore 0.22 €

ARANCE TAVOLA   € 1,30/kg:
Raccolta 0.09 €
Lavorazione 0.30 €
Trasporto 0.16 €
Promozione 0.23 €
Quota solidarietà 0.05 €
Produttore 0.47 €
_________________________________
www.brigata36.it
spaziosocialeimola@libero.it
FB: Brigata 36

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Laboratorio jam session e percussioni (ogni martedì di febbraio!)

2016-10-laboratorio-jam-session

LABORATORIO JAM SESSION E PERCUSSIONI

Ogni martedì sera!

Porta il tuo strumento e vieni a fare rumore, più siamo e meglio è!
Il laboratorio è completamente autogestito e gratuito.

Appuntamenti di febbraio: martedì 7, 14, 21, 28!

csa Brigata 36 – via Riccione 4, Imola (BO)
Il csa Brigata 36 e’ uno spazio sociale autogestito e antifascista
Rispetta il tuo cane, lascialo a casa – ingresso con tessera annuale Brigata 36

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •  

Programma di febbraio 2017

2017-02

CSA BRIGATA 36 > PROGRAMMA DI FEBBRAIO 2017

Venerdì 3/2 ore 20.30
PRESENTAZIONE DEL LIBRO “DONNE CONTRO”
Insieme all’autrice Isabella Lorusso ripercorreremo le storie di vita di dieci donne anarchiche, marxiste e femministe incontrate tra la Catalogna, la Francia e l’Italia dal marzo 1997 al febbraio 2013. Donne che hanno rischiato la vita per il loro sogno di libertà e per lasciare un mondo migliore di come l’avevano trovato.

Entro il 10 febbraio
RACCOLTA ORDINI DI AGRUMI SOLIDALI DELLA RETE “SOS ROSARNO”
Non spremere i lavoratori! Agrumi contro lo sfruttamento!
Raccogliamo ordinazioni di clementine, mandarini, arance da tavola, arance da succo, limoni e bergamotti da agricoltura biologica certificata della rete di produttori di Sos Rosarno: scrivici alla mail info@brigata36.it, su facebook al profilo Brigata 36 o chiama Veronica al 3397068630, indicando nome, cognome, telefono e l’ordine richiesto.
Consegna degli agrumi il 25/2 dalle 18 alle 21 o in altra data previo accordo (pagamento il giorno stesso del ritiro).

Sabato 11/2 ore 20.30
GEN(D)ERATION X: CONCERTO CON ACEITUNAS + LE FORCINA + TWOSTEPS
Live con:
– Le Forcina (alternative rock post-grunge)
– Aceitunas (poetic indie rock)
– Twosteps (indie acoustic duo)

Domenica 12/2 ore 21
SERATA GIOCHI LUDOBRIGATA36
Giochi da tavolo, retrogaming, freccette, calcino, scacchi, carte, oppure porta il gioco che vuoi te!

Sabato 18/2 ore 20.30
PRESENTAZIONE DEL FUMETTO “IO SONO SAHARAUI”
«Voz del Sahara» è l’iconografico soprannome con cui la cantante Mariem Hassan è internazionalmente nota.
“Io sono saharaui” ne è la biografia illustrata: un’appassionante storia al femminile che racconta di musica e resistenza civile, narrando in parallelo la vita della cantante e la storia del popolo del deserto, il popolo saharaui. Ne parleremo insieme all’autore Gianluca Diana.

Sabato 25/2 dalle ore 18 alle ore 21
DISTRIBUZIONE DEGLI AGRUMI SOLIDALI DELLA RETE “SOS ROSARNO”

Domenica 26/2 ore 21
APERTURA SERALE

Ogni martedì sera dalle ore 21!
LABORATORIO JAM SESSION E PERCUSSIONI
Porta il tuo strumento e vieni a fare rumore, più siamo e meglio è! Il laboratorio è completamente autogestito e gratuito.

_________________________________________________
CSA BRIGATA 36 – VIA RICCIONE 4 – IMOLA
il csa Brigata 36 è uno spazio sociale autogestito e antifascista
riunione ogni giovedì dalle 21
rispetta il tuo cane, lascialo a casa
ingresso con tessera annuale
www.brigata36.it   –   info@brigata36.it   –   FB: Brigata 36

Condividi
  •  
  •  
  •  
  •