Archivi categoria: Comunicati

La differenza tra le parole e i fatti

Dalla pagina di Imola Antifascista:

no-braccio-teso

LA DIFFERENZA TRA LE PAROLE E I FATTI

Ronde notturne, riedizioni della marcia su Roma, minacce e violenze squadriste: possono sembrare fatti risalenti al periodo del fascismo, invece accadono oggi in tutta Italia, come le bastonate date giusto ieri a Forlì, ad opera di realtà neofasciste come quella di Forza Nuova.

Forza Nuova è tuttora presente anche a Imola. Questo nonostante oltre 1.300 firme raccolte in pochi mesi da un appello promosso per fermare la loro presenza, con la proposta di modifica del regolamento comunale per quanto riguarda la concessione di spazi pubblici a movimenti razzisti e neofascisti.

Infatti la modifica del regolamento in consiglio comunale non è stata approvata, dalla maggioranza a guida PD, nella sua forma originaria e ha quindi perso i contenuti che avrebbero potuto renderla efficace. Ancora una volta è mancata da parte di tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale, dal PD al M5S, la volontà politica di contrastare realmente la presenza neofascista sul territorio.

Le misure adottate dal PD si rivelano inutili e insufficienti, come a livello nazionale con la legge Fiano, che gira intorno al problema continuando a legittimare e consentire l’attività di partiti dichiaratamente neofascisti come Forza Nuova e Casapound.

Se si volesse realmente applicare la Costituzione, o anche solo la Dichiarazione Universale dei Diritti Umani, andrebbe richiesto lo scioglimento di tutti i movimenti neofascisti; il resto sono solo belle parole, dette mentre realtà come Forza Nuova girano armate di bastoni per le strade.

All’inefficacia delle belle parole e dei provvedimenti formali e inutili, noi risponderemo contrastando con l’organizzazione e l’informazione la presenza in piazza dei neofascisti, autorizzata dalle istituzioni anche a Imola: l’antifascismo non si delega, si tratta di una responsabilità comune!

Ma tutto ciò non basta! Finché non si fermeranno le politiche di austerità imposte alle sole classi sociali più povere, si continueranno a creare spazi ed opportunità per tutte quelle realtà che propagandano fascismo e razzismo come false soluzioni ai problemi reali delle persone.

Disoccupazione, tagli ai servizi, “Fiscal Compact” e Jobs Act hanno impoverito e precarizzato le nostre vite e il Partito Democratico, ora al governo, è l’ultimo attore della sistematica distruzione del tessuto sociale su cui le destre si inseriscono per strumentalizzare consensi creando guerre tra poveri contro i migranti.

NESSUNO SPAZIO A FASCISMO E RAZZISMO!

Imola Antifascista

Non abbassiamo il volume! – Concerto benefit spese legali B36 (domenica 17/12/2017)

provvisoria

NON ABBASSIAMO IL VOLUME!
Concerto benefit spese legali B36

Domenica 17 dicembre dalle 19
presso il CSA Brigata 36 Via Riccione 4 ad Imola

A seguito delle multe recapitateci in autunno (vedi comunicato in fondo) rimandiamo la carta al mittente alzando il volume e anche i toni! In quanto spazio autogestito e senza fini di lucro ci opponiamo alle sanzioni ricevute che mettono a rischio la vita dello spazio e ne contestiamo la natura e l’applicazione per un’idea di socialità, cultura e divertimento slegata da logiche di interesse e profitto.

– DECORO
+ MURO SONORO

Ad allietarci le orecchie:

– Cani dei Portici
dogcore/postdog
http://canideiportici.bandcamp.com/

– Nadsat
Experimental/noise/math
https://nadsat1.bandcamp.com/

– Unruhe
L’ultimo Gruppo Bolognese Tamarro.
Duo peso psichedelico per necessità (con Sean dei Nero di Marte e Lippa)

– David Hasselhoff
Pesi massimi locali

Durante la serata materiali ed aggiornamenti sulla situazione neofascismi dalla Romagna Antifa e cibarie vegan a sostenere la futura apertura di uno spazio a Forlì!

E’ domenica, smollati e vieni a sostenere la bella gente! Se la musica disturba il potere, disturba il potere con la musica!

Il csa Brigata 36 è uno spazio sociale autogestito e antifascista
www.brigata36.it – info@brigata36.it

********

Come CSA Brigata 36 ci siamo visti recapitare due sanzioni, da parte della polizia municipale, legate alla giornata di domenica 17 settembre 2017.
Durante la giornata si inaugurava la mostra artistica del collettivo Roots con a seguire un concerto di band locali e internazionali, a conclusione del quale sono arrivate due agenti della municipale a contestare rumore e illegalità della situazione. È quantomeno singolare che le multe ci siano arrivate senza nessuna reale prova del rumore registrato, non essendoci stata nessuna rilevazione dei decibel, ed è ancora più strano capire come la polizia municipale abbia potuto valutare tale rumorosità, essendosi presentata solo successivamente alla conclusione del concerto.
Quello del 17 settembre era un momento aggregativo come centinaia di altri eventi che proponiamo sin dal 2013, con cui iniziavamo la programmazione stagionale artistica, culturale e politica di uno spazio che da ormai 5 anni porta avanti un percorso di autogestione slegato da meccanismi commerciali e da legami con qualsiasi istituzione.
Abbiamo sempre avuto un buon rapporto con il quartiere, coinvolgendo ed invitando alla partecipazione, ed è il primo episodio in 5 anni di attività in cui ci risulta esserci stata una segnalazione. Siamo aperti al confronto con chi sente di avere subito un disagio per il rumore, ma non siamo disponibili a far sì che ciò diventi pretesto per le autorità per accanirsi sulle nostre attività.
Con questo episodio, l’atteggiamento intimidatorio delle istituzioni rende ben chiaro il quadro: creare socialità senza fini di lucro, diffondere contenuti antirazzisti e antifascisti, rendere vivi spazi inutilizzati ed organizzare momenti partecipativi dal basso viene visto come qualcosa da tenere d’occhio, arginare un suo possibile straripamento nella città pacificata in cui i problemi esistono ma vengono accuratamente nascosti sotto al tappeto.
Se una proposta o un’attività non ingrassa le casse comunali, non concorre in qualche disegno di riqualificazione concordato al ribasso o cementificazione per pochi, lì sta la discriminante.
In un momento sempre più fitto di repressioni e provvedimenti atti a scoraggiare e colpire gli spazi e chi li attraversa, ogni idea differente di vivere la città rappresenta un problema. Siamo ben felici di esserlo se questo significa fare aggregazione con logiche distanti dal consumismo, dalla mercificazione e dal raccattare voti!
Rigettiamo la carta al mittente contestandone la natura stessa e la logica di applicazione.

csa Brigata 36

VOLANTINO IN DIFESA DEL DIRITTO ALLA CASA!

Dalla pagina dello Sportello Antisfratto Imola

___________________________________________________________

fronte

retro

_______________________________________________________________

VOLANTINO IN DIFESA DEL DIRITTO ALLA CASA!

Perdere il lavoro, vivere situazioni di precarietà e non riuscire a pagare l’affitto NON SONO UNA COLPA.
La casa è un diritto fondamentale per tutte e tutti!
Lo Sportello Antisfratto Imola unisce inquilini/e, sfrattate/i e solidali per organizzarsi e per difendere insieme il diritto all’abitare!
Rivolgiti allo Sportello gratuitamente per difenderti da uno sfratto, denunciare ingiustizie nell’affitto o anche solo per ricevere informazioni.
Telefono: 3774442572
CONTRO GLI SFRATTI REAGISCI E LOTTA!

DIFENDIAMO IL DIRITTO ALLA CASA!
Da molti anni ormai l’amministrazione comunale imolese del PD sta trascurando la situazione delle case popolari, procedendo sistematicamente alla loro svendita: 6 andranno all’asta entro la fine dell’anno, e ad esse si aggiungono le 8 vendute l’anno scorso e un altro centinaio negli ultimi 10 anni.
In un periodo in cui sempre più persone ne hanno bisogno è vergognoso che il Comune svenda all’asta anno dopo anno pezzi del patrimonio pubblico, senza tra l’altro investire praticamente nulla per rimpiazzare gli alloggi venduti con dei nuovi.
Assurdo è il caso della trentina di alloggi a canone calmierato vuoti da ormai 5 anni in via Giovanni X, in un palazzo inaugurato nella scorsa campagna elettorale comunale del 2013, che a questo punto ci chiediamo se il Sindaco intenda re-inaugurare per le elezioni alle porte, visto che è ancora per lo più inutilizzato.
Ad essi si aggiungono poi un altro centinaio di case popolari sfitte e vuote da anni.
Difendere le case popolari significa difendere il diritto alla casa per tutti/e, perché più sono le case disponibili più c’è possibilità di rispondere all’emergenza abitativa, sia oggi che in futuro, e più si riesce a tenere contenuto il prezzo degli affitti sul mercato.
Come se non bastasse invece la nuova riforma regionale delle case popolari ha aumentato il costo medio degli affitti di chi ci vive del 15% e deciso lo sfratto di 27 famiglie residenti nell’imolese.
Tale riforma si inserisce perfettamente nel piano con cui Governo e istituzioni regionali e comunali del PD stanno limitando e cancellando il diritto alla sanità, all’istruzione, ad un lavoro e ad una casa.

Dobbiamo al più presto invertire la rotta:
– Fermare la svendita del patrimonio delle case popolari!
– Assegnare come case popolari gli alloggi sfitti da 5 anni in via Giovanni X!
– NO all’aumento degli affitti nelle case popolari: fermiamo la riforma regionale dell’ERP!
– Investimenti diretti per il recupero dello sfitto e l’ampliamento del patrimonio delle case popolari!
– STOP AGLI SFRATTI per morosità incolpevole senza che siano previste soluzioni dignitose!

Il diritto alla casa riguarda tutti/e noi, difendiamolo insieme!
Lo Sportello Antisfratto Imola organizza periodicamente riunioni ed incontri pubblici, mettiti in contatto!
Tel: 3774442572 / mail: antisfratto@autistici.org / FB: Sportello Antisfratto Imola

IL DIRITTO ALLA CASA NON SI VENDE!

Dalla pagina dello Sportello Antisfratto Imola

___________________________________________________________

IL DIRITTO ALLA CASA NON SI VENDE!

Il 30 novembre si è tenuta l’ennesima asta fissata dal Comune di Imola per vendere 6 alloggi popolari.

Mentre non si fermano sfratti e pignoramenti, l’amministrazione comunale del PD continua con la sua politica di svendita delle case popolari, aggravando così ulteriormente la situazione abitativa. Già 8 gli appartamenti venduti nell’ultimo anno, quasi 100 alloggi ACER in meno negli ultimi 10 anni, altri 170 inseriti nel piano delle alienazioni per essere messi all’asta in futuro.

Il tutto accompagnato dalla motivazione che bisogna vendere gli alloggi ERP ricadenti all’interno di condomini a proprietà mista per colpa dei costi di gestione troppo onerosi. Una scelta politica miope, che punta a promuovere la separazione e l’isolamento degli alloggi popolari dal resto della comunità, piuttosto che favorirne l’integrazione nel tessuto cittadino.

L’unica proposta del Comune per ampliare il numero degli alloggi popolari riguarda il recente annuncio di 4-6 nuovi alloggi che saranno costruiti a Ponticelli: peccato che l’edificio demolito per essere riedificato in precedenza ne ospitasse 12, il doppio!

Le case popolari non sono solo vendute dall’amministrazione, ma anche lasciate vuote: gli ultimi dati forniti a fine 2016 dall’assessore alla casa Visani parlavano di oltre 100 alloggi sfitti, un insulto alle tante persone che rischiano di finire per strada o sono in graduatoria per una casa popolare da anni.

Lo Sportello Antisfratto Imola continuerà ad organizzare incontri pubblici per contrastare queste politiche e a fornire sostegno a chi lotta per il diritto alla casa!

BASTA (S)VENDERE LE CASE POPOLARI!

DIFENDIAMO IL DIRITTO ALLA CASA!

Sportello Antisfratto Imola

IMG-20171125-WA0001 IMG-20171125-WA0013 IMG-20171125-WA0020

CONTINUA LO SCANDALO DI VIA GIOVANNI X

Dalla pagina dello Sportello Antisfratto Imola

___________________________________________________________

CONTINUA LO SCANDALO DI VIA GIOVANNI X

Purtroppo siamo costretti ad essere ripetitivi di fronte ad un’amministrazione comunale recidiva nei propri errori.

Siamo ormai alle soglie del 5° anno dall’inaugurazione del condominio di via Giovanni X, ed ancora 34 alloggi a canone calmierato (sui 43 iniziali) sono vuoti e mai stati utilizzati. A questi si sommano, nello stesso palazzo, altri 12 alloggi destinati da ACER alla vendita ma ancora sfitti.

Anche l’ultimo bando di quest’anno per il canone calmierato si sta rivelando un disastro: solo 7 domande nuove ammesse nella graduatoria provvisoria. Forse l’assessore alla casa Visani non si è ancora accorto, dopo ormai 5 anni, che i bandi vanno anno dopo anno praticamente deserti per colpa di affitti in massima parte compresi tra i 350 e i 430 €, ovvero prezzi di mercato che di “calmierato” non hanno nulla.

Ma ormai non si tratta più di ingenuità, ma di malafede. Con l’attuale ritmo di 9 assegnazioni in quasi 5 anni, forse prima del 2035 si riuscirà a riempire il condominio?

Ci domandiamo cosa sono stati costruiti a fare se poi vengono lasciati vuoti, mentre non accenna a diminuire il numero degli sfratti e delle persone che rimangono senza casa.

Una soluzione ci sarebbe, semplice e degna di un’amministrazione comunale realmente interessata a risolvere l’emergenza abitativa: assegnare come case popolari gli alloggi sfitti da 5 anni in via Giovanni X!

Sportello Antisfratto Imola

__________________________________

Nelle foto alcuni campanelli dei due palazzi in via Giovanni X: da quelli completamente vuoti a quelli con inquilini solitari.

IMG-20171125-WA0029IMG-20171125-WA0031 IMG-20171125-WA0034IMG-20171125-WA0036 IMG-20171125-WA0039

 

CONTRO TUTTI I RADUNI DI “QUEI BRAVI RAGAZZI” DEI NEOFASCISTI!

Dalla pagina di Imola Antifascista

20160301edshe-a

CONTRO TUTTI I RADUNI DI “QUEI BRAVI RAGAZZI” DEI NEOFASCISTI!

Perché mai essere contrari all’organizzazione dell’evento “Festa d’autunno”, annullato dopo varie proteste dai gestori del palazzetto di Mezzolara di Budrio che l’avrebbe dovuto ospitare?
Lo schifo dell’evento non sarebbe stato ovviamente in una raccolta fondi in sé, ma nell’ennesimo tentativo da parte di organizzazioni neofasciste, promotrici del raduno, di strumentalizzare la fragilità sociale per legittimare e rendere accettabile la propria presenza nei territori.

Tra un insulto e un raid contro gli immigrati, tra un corso sull’utilizzo delle armi bianche e un pestaggio contro i gay, i neofascisti di associazioni politicamente vicine a Forza Nuova decidono, per accaparrarsi il favore istituzionale e dell’opinione pubblica (e magari qualche voto), che è il caso di fare beneficenza per i bambini malati.
I fascisti sono specializzati nel gettare fumo negli occhi per confondere il pensiero comune, per esempio cambiando i nomi dei gruppi nazirock che avrebbero dovuto suonare all’evento per renderli più accettabili, allo stesso modo di come addossano ai migranti le colpe della precarietà e delle difficoltà delle nostre vite, nascondendone le reali cause.

Ricordiamo brevemente: il fascismo è un crimine. E ha un che di perverso sfruttare il pretesto della beneficenza e della sofferenza per cercare di giustificare un raduno neofascista.
A quanto pare l’amministrazione comunale di Budrio, e tutte le istituzioni che ogni giorno legittimano la presenza di realtà come Casapound e Forza Nuova, questo semplice concetto se lo sono scordate: noi invece non scordiamo una dittatura durata vent’anni, i partigiani e le partigiane torturati/e e uccisi/e, la strage di Marzabotto!

Certo, è disdicevole criticare un’iniziativa così “onorevole”. Ma opporsi ai fascisti no, non è mai disdicevole.

Imola Antifascista

GRAZIE ALL’INUTILE ORDINE DEL GIORNO DEL PD OGGI I NEOFASCISTI ERANO IN PIAZZA A IMOLA

23-9

GRAZIE ALL’INUTILE ORDINE DEL GIORNO DEL PD OGGI I NEOFASCISTI ERANO IN PIAZZA A IMOLA

Ronde notturne, riedizioni della marcia su Roma, minacce e violenze squadriste: possono sembrare fatti risalenti al periodo del fascismo, invece accadono oggi in tutta Italia, promossi e fomentati da realtà neofasciste come quella di Forza Nuova.

Stamattina Forza Nuova era presente anche in centro a Imola, a dispetto dell’ordine del giorno contro i neofascismi approvato pochi mesi fa in consiglio comunale dalla maggioranza a guida PD.

Questo nonostante oltre 1.300 firme raccolte in pochi mesi dal nostro appello per fermare la loro presenza, con la proposta di modifica del regolamento comunale per quanto riguarda la concessione di spazi pubblici a movimenti razzisti e neofascisti. La modifica del regolamento infatti non è stata approvata nella sua forma originaria e ha quindi perso i contenuti che avrebbero potuto renderla efficace. Ancora una volta è mancata da parte di tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale, dal PD al M5S, che poi si meravigliano delle attività neofasciste in città, la volontà politica di contrastare realmente la loro presenza sul territorio.

Le misure adottate dal PD si rivelano inutili e insufficienti, come a livello nazionale con la legge Fiano, che gira intorno al problema continuando a legittimare e consentire l’attività di partiti dichiaratamente neofascisti come Forza Nuova e Casapound.

Oggi con un controvolantinaggio abbiamo ribadito che non ci siamo mai illusi delle misure inutili approvate dal PD, e che all’inefficacia rispondiamo con l’organizzazione e l’informazione: l’antifascismo non si delega, si tratta di una responsabilità comune.

NESSUNO SPAZIO A FASCISMO, RAZZISMO E XENOFOBIA

Imola Antifascista

BASTA CHIACCHIERE SULLE CASE POPOLARI!

Graduatorie prioritarie per l’ERP, analisi sulla situazione emergenziale del settore abitativo, la richiesta alle Istituzioni di garantire il fondamentale diritto alla casa … Tutte belle parole quelle espresse in una mozione che PD e Fornace Viva proporranno in consiglio comunale. Peccato che nel frattempo la Giunta a guida PD si stia muovendo nella direzione opposta, procedendo alla vendita di altri 6 alloggi ERP entro la fine dell’anno (a cui si aggiungono gli 8 dell’anno scorso e un altro centinaio negli ultimi 10 anni).

Un modo un po’ contraddittorio per garantire il diritto alla casa, in un periodo in cui sempre più persone ne hanno bisogno, quello di svendere all’asta anno dopo anno pezzi del patrimonio pubblico, senza tra l’altro investire praticamente nulla per rimpiazzare gli alloggi venduti con dei nuovi.

Assurdo in tal senso è il caso della trentina di alloggi vuoti in via Giovanni X, in un palazzo inaugurato nella scorsa campagna elettorale comunale, che a questo punto ci chiediamo se il Sindaco intende re-inaugurare per le elezioni alle porte visto che è ancora per lo più inutilizzato.
Per fare qualcosa di veramente utile per giovani coppie ed anziani bisognosi di un alloggio pubblico, invece che continuare a chiacchierare, basterebbe smettere di svendere il patrimonio delle case popolari e convertire in ERP quei trenta alloggi lasciati vuoti dal Comune in via Giovanni X.

Sportello Antisfratto Imola

Grazie all’inutile ordine del giorno del PD oggi i neofascisti erano in piazza a Imola

Dalla pagina di Imola Antifascista

no-braccio-teso

GRAZIE ALL’INUTILE ORDINE DEL GIORNO DEL PD OGGI I NEOFASCISTI ERANO IN PIAZZA A IMOLA

Sabato 24/6/2017 in centro a Imola, a dispetto dell’ordine del giorno contro i neofascismi approvato neanche pochi mesi fa in consiglio comunale dalla maggioranza a guida PD, era presente Forza Nuova con un banchetto.

Questo nonostante oltre 1.300 firme raccolte in pochi mesi dal nostro appello “No alla legittimazione e alla presenza dei movimenti neofascisti” per richiedere la modifica del regolamento comunale per quanto riguarda la concessione di spazi pubblici a movimenti razzisti e neofascisti. La modifica del regolamento infatti, presentata da una consigliera del PD, non è stata proposta nella sua forma originaria e ha quindi perso i contenuti che avrebbero potuto renderla efficace. Ancora una volta è mancata da parte di tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale, dal PD al M5S, la volontà politica di contrastare realmente i neofascismi presenti sul territorio, e i risultati sono che oggi Forza Nuova era in piazza protetta da un dispiegamento di forze dell’ordine per diffondere messaggi razzisti.

Le istituzioni politiche locali, targate Partito Democratico, ancora una volta rendono chiari i loro limiti, e nel maldestro tentativo di individuare ed arginare derive razziste, xenofobe e neofascismi, dimostrano di non saper prendere una netta posizione di condanna.

Non ci stupiamo affatto di questo fallimento visto come il PD si muove a livello nazionale, approvando leggi fascistoidi come il Decreto Minniti. Una legge che discrimina povertà e disagio sociale e reprime i movimenti politici che si battono quotidianamente contro precarietà, xenofobia e neofascismo.

Oggi con un controvolantinaggio abbiamo ribadito che non ci siamo mai illusi delle misure inutili approvate dal PD, e che all’inefficacia rispondiamo con l’organizzazione e l’informazione: l’antifascismo non si delega, si tratta di una responsabilità comune.

NESSUNO SPAZIO A FASCISMO, RAZZISMO E XENOFOBIA

Imola Antifascista

___________________________________________________________________

Di seguito il testo del volantino distribuito:

A SEGUITO-1

A SEGUITO-2

A seguito dell’appello:
“NO ALLA LEGITTIMAZIONE E ALLA PRESENZA DEI MOVIMENTI NEOFASCISTI”
Le istituzioni politiche locali, targate Partito Democratico, ancora una volta rendono chiari i loro limiti, e nel maldestro tentativo di individuare ed arginare derive razziste, xenofobe e neofascismi, dimostrano di non saper prendere una netta posizione di condanna e contrastarne realmente la presenza.
Cosa ci si dovrebbe aspettare d’altronde quando esse stesse, a dispetto delle consuete celebrazioni istituzionali legate alla resistenza e alla memoria, sono sempre più coinvolte da un lato nell’attuazione di misure repressive, autoritarie e securitarie per inseguire la destra più becera, dall’altro a legiferare per precarizzare le nostre vite.
L’ANTIFASCISMO COME PRATICA QUOTIDIANA NON PUÒ ESSERE DELEGATO, STA A NOI LA RESPONSABILITÀ DI TENERLO VIVO NEL TEMPO.

Imola Antifascista nasce nel 2015 con l’obiettivo politico di contrastare le sempre più dilaganti derive razziste, xenofobe e fasciste presenti nel quotidiano anche nella nostra città.
Derive sostenute e messe in atto da partiti che cavalcano le recenti condizioni di crisi, mutamento e precarizzazione della società per guadagnare consensi basati sulla paura, sull’odio e l’egoismo, mascherandole sotto pseudo-concetti di sicurezza, sovranità, identità.
I valori in cui crediamo — antifascismo, antirazzismo, uguaglianza e solidarietà — non vivono di vita propria e di ricordi, ma vanno sostenuti e praticati nel presente. Da ciò è nata nel 2015 una raccolta firme rivolta alla modifica del regolamento comunale per quanto riguarda la concessione di spazi pubblici a movimenti razzisti e neofascisti. La modifica, presentata da una consigliera del PD, non è stata proposta nella sua forma originaria e ha quindi perso i contenuti che avrebbero potuto renderla efficace. Per l’ennesima volta è mancata da parte di tutte le forze politiche presenti in consiglio comunale, dal PD al M5S, la volontà politica di contrastare realmente i neofascismi presenti sul territorio.
Non ci stupiamo affatto di questo fallimento visto come il PD si muove a livello nazionale, approvando leggi fascistoidi come il Decreto Minniti. Una legge che discrimina povertà e disagio sociale, con zone cittadine addirittura proibite a chi, negli occhi di questi politici, metta in evidenza quel “degrado” che gli stessi partiti di centrosinistra e centrodestra hanno creato negli anni con misure aggravanti povertà sociale e precarietà.
Non ci siamo mai illusi, all’inefficacia rispondiamo con l’organizzazione e l’informazione, l’antifascismo non si delega, si tratta di una responsabilità comune.
NESSUNO SPAZIO A FASCISMO, RAZZISMO E XENOFOBIA