Archivi tag: i neofascisti non li vogliamo

Presentazione dell’opuscolo “SANZVÊS E MANGANÈL” e buffet benefit (domenica 20/3/2016)

2016-03-20 sanzves e manganel

Domenica 20 marzo 2016 ore 15.30

All’interno della campagna di Imola Antifascista “I neofascisti non li vogliamo!”
Presso il  CSA BRIGATA 36

Presentazione dell’opuscolo
SANZVÊS E MANGANÈL
– Predappio, la mecca in camicia nera –

La città di Predappio è da lungo tempo meta di pellegrinaggi nostalgici da parte di fascisti vecchi e nuovi, con lo sviluppo in parallelo di un florido mercato di oggettistica, memorabilia e altra paccottiglia in stile fascista.
Nonostante si siano sviluppate critiche, discussioni, polemiche sui mass media, documentari, etc., non è mai stata prodotta una critica che vada al di là del folklore o del nostalgismo dal tono giornalistico.
La questione predappiese non è mai stata oggetto di un’analisi politica… ora sì!

Ne parleremo con autori/autrici dell’opuscolo, e a seguire buffet benefit per la Cassa Antirepressione del Capitano ACAB

Via Riccione 4 – Imola (BO)
FB: Imola Antifascista     mail: imola-antifascista@libero.it

Imola Antifascista verso il 25 aprile! (ciclo di iniziative + comunicato)

2016-02 i neofascisti non li vogliamo v2

Ciclo di eventi:

I NEOFASCISTI NON LI VOGLIAMO!
Non appenderti a un’idea sbagliata

ImolAntifascista propone un ciclo di eventi per informare sulla presenza di formazioni neofasciste nell’imolese e per promuovere una risposta sempre più forte della città contro la pericolosità di derive autoritarie, razziste e fasciste che tali movimenti propagandano

IL PROGRAMMA DEGLI EVENTI

Sabato 27 febbraio ore 17.30
FASCISTI DI IERI, FASCISTI DI SEMPRE: incontro con Stefano Raspa
Archivio della FAI, via F.lli Bandiera 19, entrata dal parcheggio dell’Ospedale Vecchio

Sabato 5 marzo ore 20.30
Presentazione del libro “RIBELLI, SOCIALI E ROMANTICI! F.C. St. Pauli tra calcio e resistenza” con l’autore Nicolò Rondinelli e concerto con ZONA POPOLARE + 40127 SKINHEADS + THE BOOGERS
csa Brigata 36, via Riccione 4

Domenica 6 marzo ore 20.30
Presentazione del libro “FASCISTI DEL TERZO MILLENNIO – Per un’antropologia di CasaPound” con l’autrice Maddalena Gretel Cammelli
csa Brigata 36, via Riccione 4

Domenica 20 marzo ore 15.30
Presentazione dell’opuscolo “SANZVES E MANGANEL” e analisi del fenomeno che vede Predappio come “La Mecca in camicia nera”; a seguire buffet benefit
csa Brigata 36, via Riccione 4

Domenica 10 aprile ore 16.30
Incontro con Saverio Ferrari (Presidente dell’Osservatorio sulle nuove destre) e Daniele Barbieri (giornalista) sui neofascismi in Italia
Archivio della FAI, via F.lli Bandiera 19, entrata dal parcheggio dell’Ospedale Vecchio

Domenica 24 aprile ore 18.00
Aperitivo antifascista e incontro con Lidia Menapace, staffetta partigiana
luogo da definire

Durante ogni iniziativa sarà possibile firmare l’appello “NO ALLA LEGITTIMAZIONE E ALLA PRESENZA DEI MOVIMENTI NEOFASCISTI”

Info
Mail: imola-antifascista@libero.it
Pagina FB: Imola Antifascista

////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////////

IMOLA ANTIFASCISTA VERSO IL 25 APRILE!

Negli ultimi mesi formazioni politiche di stampo apertamente neofascista, come Forza Nuova, hanno tentato di presentarsi pubblicamente ad Imola, città Medaglia d’Oro per la Resistenza, col fine di blaterare la loro propaganda razzista, omofoba, sessista, patriarcale e contraria agli interessi di lavoratori e lavoratrici.

Come ImolAntifascista (coordinamento politico che riunisce il c.s.a. Brigata 36, l’Assemblea degli/delle anarchici/che imolesi ed il PRC di Imola) non abbiamo fatto a meno di ricordare i connotati anticostituzionali di tali formazioni politiche, nonché i curricula da squadristi dei suoi dirigenti. Nonostante la nostra pressione, mediatica e di piazza, l’amministrazione comunale, per bocca del sindaco Daniele Manca e del Segretario locale del Partito Democratico, Marco Raccagna, non ha ritenuto necessario negare alcun tipo di autorizzazione a Forza Nuova, che fa propaganda e manifesta in aperta violazione del divieto di apologia del fascismo.

Per questi motivi, insieme all’Anpi di Imola, ImolAntifascista ha promosso una raccolta firme, con gli obiettivi di sensibilizzare l’opinione pubblica rispetto ai rigurgiti nazional-populisti dei “camerati” e di precludere a questi ultimi la possibilità di ottenere agibilità politica sul territorio cittadino. A questa importante iniziativa hanno aderito numerose realtà del territorio – tra cui la CGIL di Imola, Libera Imola, l’Arci di Imola, Trama di Terre, l’Uaar di Imola e Castel S. Pietro Terme, Ecomapuche, la Redazione di Pollicino Gnus, il Comitato Acqua Pubblica di Imola, Officina di Genere, Seacoop, Primola, il CdA della Coop. Mag6, il Ponte Azzurro, l’associazione Il Socialista, la sezione “G. Zappaterra” di Imola del Partito Comunista d’Italia e Futuro a Sinistra Imola – che riteniamo importante ringraziare. Tale raccolta firme sta proseguendo tuttora con grande slancio e si concluderà il 25 aprile, ossia nella giornata della Festa della Liberazione.

Dispiace tuttavia dover far notare l’intollerabile ipocrisia con cui il Partito Democratico ed il sindaco Manca affronteranno questa “ricorrenza”, che evidentemente per loro è solo tale. Anche quest’anno saremo infatti costretti ad assistere alla sfilata commemorativa di chi si sente antifascista solo un giorno all’anno. Anche quest’anno il sindaco Manca si riempirà la bocca di belle parole ricordando la lotta partigiana e al contempo fingerà di non vedere la crescita – in Italia e in Europa – di quei movimenti xenofobi che le politiche di austerity promosse dal suo partito contribuiscono ad alimentare ogni giorno.
Vi è, d’altronde, un’altra forza politica che non potrà fare a meno di provare vergogna, perlomeno il 25 aprile: si tratta del Movimento 5 Stelle. Il partito di Grillo, così come il PD, ai tempi delle elezioni amministrative (giusto tre anni fa) aveva firmato un documento che l’Anpi di Imola sottopose a tutte le forze politiche locali; documento che chiedeva un fattuale impegno antifascista da parte di queste ultime. Ebbene, l’ipocrisia del PD fa allora il paio con l’ipocrisia del M5S, il quale si è guardato bene dall’aderire alla raccolta firme contro la presenza di forze apertamente neofasciste ad Imola. Non si stupirà, tuttavia, chi ricorda alcune preoccupanti aperture di Grillo, così come di esponenti politici locali e nazionali del suo Movimento, a quei “bravi ragazzi” di CasaPound.
Da parte nostra, visto il ripresentarsi di forze neofasciste anche sul territorio imolese, ribadiamo l’importanza della raccolta firme e del contrasto a tali rigurgiti fascisti.

Infine, alla discutibile iniziativa che si terrà al Molino Rosso, noi rispondiamo con un ciclo di eventi per sottolineare ancora una volta l’importanza e l’attualità dell’antifascismo.

ImolAntifascista