Archivi tag: permesso di soggiorno

La dignità umana non si “guadagna”

“Basta col buonismo!”
“Mettiamoli a fare qualcosa!”
“Casa nostra, nostre regole!”
“Quanto ci costano?”
 
E via discorrendo… ovviamente parliamo di luoghi comuni e stereotipi sempre più usati nel nostro quotidiano: al bar, al lavoro, in TV, in rete…
Una retorica di pancia alimentata ad arte che, sul malcontento generale, ha saputo costruire una strategia molto efficace di consenso: dare un volto ed un nome al problema e darlo in pasto alla gente.
Il migrante. L’ospite. L’ultimo arrivato.
 
Di contro, chi si riconosce in posizioni più “democratiche” e meno aggressive, scade spesso in un’altra retorica altrettanto dannosa e deleteria: quella del merito, dell’integrazione che passa dall’utilitarismo, dello sfruttamento in pettorina arancione. L’antipasto ce l’hanno già fatto assaggiare molto bene: dopo anni di retoriche sul “bravo migrante che paga le tasse”, “se non ci fossero loro, gli italiani non avrebbero la pensione”, il diritto a permanere su questo territorio è legato al possesso di un contratto di lavoro. Se perdi il lavoro non vali più, sei da cestinare, “tornatene al tuo paese”. Così, assaggiando antipasti buonisti che hanno chiuso gli occhi a molti riguardo al razzismo del permesso di soggiorno legato al lavoro, sono riusciti a farci digerire senza troppi mal di pancia il Jobs Act, il tirocinio gratuito “che fa curriculum”, lo stringere i denti in situazione di sfruttamento perchè “l’importante è lavorare”.
E così si genera il prototipo del migrante che è integrato solo se si “merita” i diritti (non parliamo certo di privilegi), che normalmente vengono a tutti riconosciuti senza sforzo, purchè bianchi ed in silenzio, ovviamente.
Possiamo tranquillamente parlare di razzismo.
 
Oltre al ricatto del documento, lo stillicidio delle attese burocratiche, la paura delle ordinanze e lo spettro delle discriminazioni, il migrante dovrà, dopo tutto questo percorso con le istituzioni, “guadagnarsi il posto” in società, davanti ad un altro tribunale: la gente.
La dignità umana non si deve guadagnare nè tanto meno meritare. Al massimo si deve difendere o sarà una corsa al ribasso.
Fintanto che non si ridurranno le disuguaglianze, la sempre maggiore deriva verso la precarietà non farà che abbassare il livello di dignità per tutti.
Non ci può essere una meritocrazia “pulita” in quanto non si tratta di un valore oggettivo e misurabile, ma si basa su un’idea preconfezionata di talenti e valori determinati dal sistema e dalla classe dominante.
Le nostre possibilità differiscono profondamente, anche in base alla condizione sociale di appartenenza e questo tipo di valutazione sul merito non farà altro che giustificare i vantaggi dei più ricchi e legittimare il disprezzo per i più poveri di mezzi e di opportunità.
 
A lungo termine i rischi per tutti sono concreti:
1. Il principio che per un diritto si debba ricompensare la società;
2. Sempre più spesso si potrà essere “sostituiti”, quando sul mercato sono disponibili prestazioni lavorative gratuite o a basso costo estorte a individui ricattabili;
3. Attività di volontariato invece che essere percepite come una scelta personale vengono usate come strumento per guadagnarsi un diritto all’esistenza o semplice alternativa all’ozio per questi “ingrati”.
 
Se vogliamo una società più equa nei diritti e nelle possibilità, superiamo l’idea di integrazione attraverso l’utilitarismo, denigrante e svilente anticamera dello sfruttamento dell’individuo. Pensiamo al riconoscimento dell’essere umano in quanto tale, fatto non solo di bisogni, ma anche di sogni e desideri, a prescindere da ogni retorica. Non si possono accettare ricatti quando si parla di dignità. Sono processi lunghi e che, resteranno incompleti finchè non si proverà ad andare oltre una logica del “noi” e “loro”. Cerchiamo di smontare la superficiale soddisfazione diffusa di qualche testata locale che, scrivendo di integrazione, metterà qualche foto di migranti in pettorina che raccolgono le cartacce dai prati.
 
csa Brigata 36